Si alza il sipario sul sesto Premio Città di L’Aquila: due marsicani sul podio, Gianni Letta fra i premiati e Luca Di Nicola presentatore dell’evento

Si alza il sipario sul sesto Premio Città di L’Aquila: due marsicani sul podio, Gianni Letta fra i premiati e Luca Di Nicola presentatore dell’evento

L’Aquila. Al via la sesta edizione del Premio Città di L’Aquila. Domani sera (sabato 2 settembre), alle 21 in piazza Duomo la consegna dei premi ad ospiti prestigiosi. Organizzato dall’Associazione culturale ‘Aquila Eventi’ presieduta da Marco Compagni, lo spettacolo sarà presentato dal marsicano Luca Di Nicola apprezzato conduttore delle prime edizioni dell’evento e di tantissime altre importanti manifestazioni organizzate negli anni nel capoluogo abruzzese. Lo spettacolo vedrà la partecipazione di personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo, del sociale, della politica e dell’intrattenimento. Nato da un’idea di Marco Compagni e dello scenografo lucano Mario Garrambone, il Premio Città di L’Aquila 2017 sarà conferito all’ex Sottosegretario alla presidenza del Consiglio, l’avezzanese Gianni Letta, al caporedattore del Tg3 Abruzzo Silvano Barone e allo scultore e pittore nativo di Montereale, Nestore Bernardi. All’evento, patrocinato dal comune, parteciperanno anche il comico Gennaro Calabrese e il cantante Tito Alfano voce dei ‘Veramente Modà tribute band’. Come in ogni edizione infine, non mancheranno i momenti moda con le splendide modelle che animeranno il defilè ‘In moda manet’.

Gli arriva un bollettino da 17mila euro dall’Agenzia delle entrate per l’iscrizione all’albo, noto avvocato rischia l’infarto

Gli arriva un bollettino da 17mila euro dall’Agenzia delle entrate per l’iscrizione all’albo, noto avvocato rischia l’infarto

Avezzano. Gli è arrivato un bollettino da 17mila euro per l’iscrizione all’albo dall’Agenzia delle entrate e ha rischiato di essere colto da un infarto. Per fortuna ha subito capito che era un errore visto l’aggiunto di un paio di zeri. E’ quanto accaduto a un legale marsicano che fortunatamente si è ripreso subito quando ha visto la causale. Riguardava infatti una semplice quota associativa per l’iscrizione annuale all’Albo degli avvocati di Avezzano. Ha capito che non poteva essere e che si trattava di un errore.

Probabilmente l’Agenzia delle entrate, che svolge il servizio di raccogliere le quote associative degli avvocati, ha aggiunto due zeri in più. Due zeri che non sono quelli dei decimali, ma che sono stati messi dopo il 170. L’avviso di pagamento dovrà quindi essere corretto. L’avvocato dovrà comunicare l’errore e l’agenzia delle entrate, probabilmente, se tutto andrà bene,  dovrà mandare un nuovo bollettino, stavolta però con la somma giusta.